L'ass. Primo Schoensberg e lo storico Hannes Obermair