Sulla lapide di Manlio Longon