Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

La sede

ex Agnello Lamplhaus (Apri l'immagine , 664 Kilobyte, 2000 per 1500 pixel)

 

L'edificio era una residenza rinascimentale in stile d'Oltradige, eretta a più riprese nei secoli XVI e XVII col nome di Könighof e poi palazzo Windegg.
La costruzione è caratterizzata da quattro torrette angolari, una bella facciata con portale a tutto sesto e finestre bifore, caratteristiche per questa tipologia di architettura.

Noto ai bolzanini come Lamplhaus ("ex-Agnello"), dal nome della storica osteria Lammwirtshaus lì ubicata fino alla fine degli anni '90 del Novecento, fu dal 1885 al 1928 sede della scuola elementare di Rencio. Nel 1910-1911 frequentavano la scuola ben 206 alunni, di cui 40 provenienti dalla zona di Campegno.
Nel 1928 la scuola elementare fu spostata nell'adiacente edificio costruito appositamente, che ospita ancora oggi le elementari in lingua tedesca "Karl Felix Wolff".

Nel 2010 il Comune di Bolzano ha provveduto al restauro dell'edificio, tutelato dalla Soprintendenza ai beni culturali, che era in stato di abbandono dalla fine degli anni Novanta.

La casa ospita ora alcune associazioni del quartiere. A piano terra, negli spazi della storica trattoria, è prevista la riapertura di un attività gastronomica, e, per non abbandonare le antiche vocazioni dell'edificio, al secondo e terzo piano si trova la sede del Museo della Scuola/Schulmuseum di Bolzano.

Dal 1995 al 2013 il Museo della Scuola di Bolzano aveva sede all'ultimo piano della scuola "Dante Alighieri". È stata una sede storica, in quanto l'edificio stesso rappresenta un frammento importante di storia dell'edilizia scolastica a Bolzano e nello stesso tempo le trasformazioni della denominazione della scuola descrivono le tappe cruciali di un cammino storico che ha visto la città di Bolzano passare dal governo imperial-regio della Monarchia Asburgica (fino al 1918), al Regno d'Italia, alla dittatura fascista (1922-1943), al periodo 1943/45 - l'epoca dell'Alpenvorland sotto il regime nazista -, alla nascita della Repubblica Italiana 1945/46, alle novità introdotte dallo sviluppo dell'autonomia provinciale in Alto Adige-Südtirol dopo il 1972.
 

Torna ad inizio pagina
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::