Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

1 città 100 foto: presentazione

Il ponte Talvera verso la città vecchia con il Rosengarten (1917) (Apri l'immagine jpg, 363 Kilobyte, 1592 per 1008 pixel)

 

Immagini 1874-1940
Il Progetto 1 città 100 foto, promosso dall' Archivio storico cittadino, mostra immagini dal passato di Bolzano dal 1874 al 1940. Il periodo spazia dall'epoca dell'impero austro-ungarico fino agli anni finali del fascismo italiano.
Al 1874 risale una delle prime immagini conservate in Archivio, il disegno del restauro dell'Hotel Goldene Sonne in piazza Erbe; il 1940 è uno degli anni della profonda trasformazione politica, economica ed urbana di Bolzano che porta già in sé caratteri e contraddizioni della città di oggi.

Cambiamenti economici e socio-politici
Le immagini scelte cercano di mettere in luce luoghi e mestieri in quegli anni cruciali per l'economia e per la politica: dagli ultimi anni di governo dell'Impero austro-ungarico e da una produzione di beni di tipo familiare si passa ad una produzione di tipo meccanizzato: grazie all'energia elettrica che permette quantità più elevate di produzione si giunge all'installazione di una prima fabbrica dove lavorano centinaia di operaie e operai (il Cotonificio Kofler-Herrmann & Co. St. Anton) e infine si arriva alla produzione industriale di emanazione statale, decisa dal nuovo governo dell'Italia fascista.

Cambiamenti amministrativi e urbanistici
Osservando le immagini del Progetto 1 città 100 foto si avvertono molteplici cambiamenti della città, anche dal punto di vista amministrativo e urbanistico.
Nel 1874 erano tre i Comuni dell'area che oggi si chiama Bolzano: il piccolissimo Comune di Bolzano, squisitamente urbano, circondato dal più esteso Comune di Dodiciville che racchiude Bolzano a nord e a sud e che comprende anche ampie zone rurali in pianura e sulle pendici di S. Maddalena, verso il Colle-Kohlern e il Virgolo; tutto sulla riva orografica destra del torrente Talvera invece il Comune di Gries, anch'esso composto da un quartiere urbanizzato e da quartieri rurali.
Per secoli era rimasto in essere questo equilibrio fra le poche zone urbanizzate e le molte zone rurali nella piana di Bolzano; poi, in pochi decenni, tutto questo mutò.
Nel 1910 il piccolo Comune di Bolzano inglobò l'esteso Comune di Zwölfmalgreien-Dodiciville, sul finire del 1925 il Comune di Bolzano, che faceva parte nel frattempo di un nuovo Stato e di un nuovo governo, totalitario, annettè il ricco Comune di Gries, destinato a diventare lo spazio di espansione per la nuova Bolzano di impronta fascista.
Tracce di questi profondi mutamenti sono leggibili nelle immagini qui presentate; si avvertono nell'uso delle lingue e nei destinatari degli atti di cui fanno parte carte e immagini.
Le immagini del Progetto 1 città 100 foto hanno anche il potere di farci compiere il tragitto inverso; ci invitano cioè a trovare nella città di oggi tracce del passato, sia attraverso l'osservazione diretta dei luoghi che illustrano sia attraverso la ricerca e la valorizzazione della documentazione storica che l'Archivio conserva.

Le fonti
I fondi da cui sono tratte le immagini del Progetto 1 città 100 foto sono conservati presso l'Archivio Storico della Città di Bolzano e sono sono liberamente accessibili e consultabili.

Essi sono:

  • Fondo Azienda consortile elettricità e acqua potabile di Dodiciville e Gries
  • Fondo concessioni edilizie Bolzano
  • Fondo concessioni edilizie Zwölfmalgreien-Dodiciville
  • Fondo concessioni edilizie Gries
  • Fondo fotografico Istituto Fascista Autonomo Case Popolari
  • Fondo fotografico Lavori pubblici
  • Raccolta di cartoline storiche
  • Atti generali del Comune di Bolzano
  • Ufficio Tecnico Zona Industriale del Comune di Bolzano

> Progetto, ricerca immagini e didascalie di Carla Giacomozzi e Hannes Obermair
dicembre 2009 - luglio 2011

> Facendo seguito alle raccomandazioni delle Open Access e Open Data Policies, si autorizza l'utilizzo, ovvero il download e la copia, a scopo non di lucro delle immagini del Progetto "1 città 100 foto" purchè sia citata la fonte archivistica come indicato (Archivio Storico della Città di Bolzano, fondo indicato).

Torna ad inizio pagina
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::