Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

"Atlante Tr3cento. Pittori gotici a Bolzano"

"Atlante Tr3cento. Pittori gotici a Bolzano" (Apri l'immagine jpg, 37 Kilobyte, 350 per 481 pixel)

 

Bolzano, in un atlante tutti gli affreschi sacri del Trecento

Volete sapere tutto sulla pittura religiosa trecentesca a Bolzano? Allora non lasciatevi sfuggire "Atlante. Tr3cento. Pittori gotici a Bolzano", il libro realizzato da un gruppo di studiosi coordinati dalla direttrice dell'Ufficio Servizi Museali e Storico-Artistici del Comune di Bolzano, Silvia Spada Pintarelli. L'opera completa il percorso iniziato nel 2000 con una mostra - inserita dal Giornale dell'Arte tra le 160 di quell'anno più importanti al mondo - rivivibile attraverso il catalogo "Tr3cento. Pittori gotici a Bolzano".

Pietra miliare di un lungo, approfondito e appassionato lavoro di ricerca, l'Atlante di fatto mira a stimolarne altri perché - questa la volontà dei curatori - non va considerato come un punto di arrivo, bensì un punto di partenza. A testimoniarlo il convegno organizzato sabato 19 ottobre 2002 a Bolzano, nella sala della dieta tirolese dell'Antico Municipio (Portici 30), che ha visto riuniti alcuni fra i più importanti studiosi di pittura medievale. Nell'incontro sono state presentate alcune relazioni inedite, stimolate dalla mostra bolzanina, ed è stato analizzato il modello metodologico utilizzato per la realizzazione dell'Atlante.

Caratteristica principale dell'opera è la sistematicità della rilevazione delle pitture murali trecentesche ancora presenti a Bolzano. Se nei libri d'arte, di solito, si privilegia l'aspetto estetico delle opere, in questo lavoro si è puntato alla resa del contesto e si è quindi proceduto a una campagna fotografica a tappeto in cui tutte le opere sono state riprodotte interamente, cornici comprese. Il volume documenta quindi integralmente i sette più importanti cicli di affreschi conservati in Duomo, nelle chiese dei  Francescani e dei Domenicani, in Santa Maddalena, San Giovanni in Villa San Vigilio al Virgolo e San Martino a Campiglio. I rilievi grafici proposti hanno permesso di conoscere e confrontare le diverse tecniche di esecuzione dei dipinti murali presenti a Bolzano nel Trecento, portando a importanti conclusioni sulla provenienza degli artisti e sulla loro appartenenza a scuole e culture diverse ed indicando significative tangenze tra modalità esecutive nordiche e tecniche di pittura italiane.

I risultati dello studio vengono presentati nel saggio, dal significativo titolo di "Culture tecniche", a cura di Vincenzo Gheroldi. Accanto ai sette cicli più significativi, vengono documentate anche tracce minori (Sant'Andrea, San Giorgio in Weggenstein, Gries, San Maurizio, San Giacomo alla Rena, San Giacomo ad Oltrisarco) e ricordati anche i numerosi "dipinti perduti", distrutti nel corso delle demolizioni ottocentesche o dai bombardamenti di guerra. In questo ambito assume importanza fondamentale la pubblicazione di tutti gli affreschi di Guariento e aiuti, in origine nella chiesa dei Domenicani, di cui è rimasta preziosa testimonianza fotografica nell'archivio della Fondazione N. Rasmo-A. von Zallinger. Il volume accoglie quindi la ricerca archivistica di Angela Mura sulle "figure di pittori" documentate negli archivi locali.

Il lavoro è dedicato alla memoria di Nicolò Rasmo.

____________

"Atlante. Tr3cento. Pittori gotici a Bolzano" (Temi Editrice, Trento pp.368, ill. B/n e colori, Euro 35,00) è stato curato da: Silvia SPADA PINTARELLI, direttrice Ufficio Beni Culturali della Città di Bolzano, Andrea DE MARCHI, Università di Udine, Tiziana FRANCO, Università di Verona e Padova, Vincenzo GHEROLDI, Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici di Brescia.
Oltre ai saggi dei curatori, contiene testi di Paola BASSETTI (storica d'arte) Andreas BESOLD (storico d'arte), Enrica COZZI (Università di Trieste) Waltraud KOFLER-ENGL (Soprintendenza ai Beni Culturali di Bolzano), Karin MANTOVANI (storica d'arte), Angela MURA (Archivio storico città di Bolzano) e Fabrizio PIETROPOLI (Soprintendenza ai Beni storico-artistici e ambientali di Verona).
La campagna fotografica è stata condotta da Giovanni CERI, Fotostudio Lambda di Trento; i rilievi sono di Luisa MARCHETTI.

Il volume (Euro 35,00) può essere richiesto anche all'Ufficio Servizi Museali e Storico-Artistici della Città di Bolzano.

Ufficio Servizi Museali e Storico-Artistici
INFO

7. Ripartizione Servizi Culturali
c/o Archivio Storico - via Portici 30 - I-39100 Bolzano
7.0.0@comune.bolzano.it
Tel. +39 0471 997 581 - Fax +39 0471 997 456 (segreteria)

Allegati:

Torna ad inizio pagina
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::