Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

Criminali del campo di concentramento di Bolzano / di Costantino Di Sante (Raetia, 2019)

Biblioteca civica "C. Battisti", via Museo 47

Presentazione libro

17.01.2019

Per il Giorno della Memoria 2019. Un’inedita documentazione ha fatto emergere nuovi agghiaccianti particolari sulla gestione del campo di concentramento di Bolzano. Un'iniziativa del Circolo Culturale ANPI Franca Anita Turra/Hans Egarter. Alle ore 18.00.

Copertina del libro Criminali a Bolzano (Apri l'immagine , 391 Kilobyte, 765 per 1024 pixel)
 

Oltre all'autore, interverranno:

> Dario Venegoni, Presidente dell'ANED, Associazione Nazionale Ex Deportati nei Campi Nazisti
> Sabine Mayr, autrice del libro Quando la patria uccide: storie ritrovate di famiglie ebraiche (Raetia, 2017)
> Giovanni Tomazzoni, Laboratorio di storia di Rovereto
> Carla Giacomozzi, Responsabile dell'Archivio Storico del Comune di Bolzano

Benvenuto di :
> Guido Margheri (presidente ANPI di Bolzano)
> Thomas Kager (casa editrice Raetia)

Deposizioni, testimonianze, fotografie, disegni e certificati, finora mai pubblicati, provengono soprattutto dal National Archives di Washington e dall'Archivio dell'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell'Esercito di Roma.
Questo materiale è stato raccolto nell'immediato dopoguerra dalle autorità alleate e italiane al fine di individuare i colpevoli dei crimini commessi nelle celle di detenzione del lager e in quelle del Corpo d'Armata. Grazie a queste nuove fonti sono state ricostruite le biografie dei principali responsabili dei misfatti avvenuti durante i dodici mesi di funzionamento di uno dei principali luoghi di detenzione nazista nell'Italia occupata. Le informazioni contenute nei fascicoli hanno anche consentito di delineare la struttura organizzativa della polizia nazista nella Zona d'operazioni delle Prealpi e permesso di fare luce sulle dinamiche che hanno portato all'arresto e all'omicidio dei principali esponenti della Resistenza bolzanina, come Manlio Longon.

Costantino Di Sante
Storico, è direttore dell'Istituto storico provinciale di Ascoli Piceno. Collabora con le Università di Teramo e di Roma Tre. Nelle sue ricerche si è occupato di storia della Resistenza, dell'internamento e della deportazione dall'Italia, dell'occupazione della Jugoslavia e del colonialismo italiano in Libia. Esperto di fonti foto-documentarie, ha realizzato numerose mostre e ha tenuto corsi di formazione sulla didattica della storia contemporanea. 

Tra le sue pubblicazioni:
Auschwitz prima di "Auschwitz". Massimo Adolfo Vitale e le prime ricerche sugli ebrei deportati dall'Italia, Verona 2014; Stranieri indesiderabili. Il campo di Fossoli e i "centri raccolta profughi" in Italia (1945-1970), Verona 2011; Dizionario del Risorgimento, L'Aquila 2011; Nei campi di Tito. Soldati, deportati e prigionieri di guerra italiani in Jugoslavia (1941-1952), Verona 2007; Italiani senza onore. I crimini in Jugoslavia e i processi negati (1941-1951), Verona 2005; L'internamento civile nell'Ascolano e il campo di concentramento di Servigliano (1040-1944), Ascoli Piceno 1998. Ha inoltre curato il volume I campi di concentramento in Italia. Dall'internamento alla deportazione (1940-1945), Milano 2002.

Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::