PUM - Piano Urbano della MobilitÓ 2020

Elaborato dall'Ufficio MobilitÓ del Comune, approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 2 del 27.01.2010, esecutiva dal 12.02.2010.

    
Il Piano Urbano della Mobilità, istituito all'art.22 della Legge Nazionale n. 340 del novembre del 2000, progetta il sistema della mobilità di medio-lungo periodo (10 anni). Prevede un insieme organico di interventi materiali ed immateriali diretti al raggiungimento di specifici obiettivi attraverso l'indicazione di opportune strategie di intervento.

Il percorso di elaborazione del PUM per Bolzano parte da un'attenta analisi della situazione attuale del tessuto urbano, della viabilità e della mobilità in generale. Individua quindi le eventuali situazioni di criticità - qualità della vita, sicurezza, inquinamento, congestione, squilibri nel sistema - che consentono di sviluppare gli interventi necessari per conseguire gli obiettivi stabiliti, fra cui i principali sono:

  • aumento della vivibilità e della qualità dello spazio pubblico riducendo il traffico nei quartieri
  • riorganizzazione dell'intero sistema della mobilità
  • miglioramento del trasporto pubblico
  • incremento della sicurezza nella mobilità
  • diminuzione dell'inquinamento acustico ed atmosferico
  • uso efficiente del territorio.

Obiettivi che sono in linea con quanto già previsto dallo strumento di pianificazione a breve termine rappresentato dal PUT - Piano Urbano del Traffico approvato nel 2007, dalle finalità contenute nel Piano Strategico della città di Bolzano - "Idee 2015 Pensare la Città" e sono coerenti con le linee di progetto del Masterplan, approvato dal Consiglio Comunale di Bolzano il 21.01.2010.

I principali ambiti di intervento del PUM, finalizzati all'attuazione dell'insieme di obiettivi prefissati dall'amministrazione comunale di Bolzano, sono i seguenti:

  • realizzazione di un sistema di circonvallazioni a cordone della città per il traffico di attraversamento ed accesso al capoluogo, per liberare i quartieri residenziali dal traffico di transito con conseguente riqualificazione delle vie interne
  • aumento qualitativo e quantitativo del trasporto pubblico introducendo due nuove linee tramviarie, rendendo le linee ferroviarie metropolitane e potenziando la rete bus
  • completamento della rete di piste ciclabili e potenziamento di attrezzature, servizi ed incentivi alla ciclabilità
  • attuazione della politica della sosta, per liberare spazio su strada da destinare ad altre funzioni per un riequilibrio della fruibilità collettiva ed un innalzamento della qualità ambientale dello spazio pubblico.