Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

Convivenza di fatto

La Legge 20 maggio 2016, n. 76, entrata in vigore il 5 giugno 2016, riconosce le convivenze di fatto, costituite da due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un'unione civile.

Oltre a questi requisiti, per accertare la convivenza stabile si fa riferimento alla dichiarazione anagrafica da presentare con apposito modulo (vedasi in fondo alla pagina).

La dichiarazione di costituzione della convivenza puó essere presentata:

  1. in occasione della dichiarazione di residenza ai fini dell'iscrizione anagrafica con provenienza dall'estero o da altro Comune;
  2. in occasione della dichiarazione di residenza ai fini del cambio di indirizzo all'interno del Comune;
  3. successivamente alla costituzione della famiglia anagrafica;

I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza, redatto in forma scritta, con un atto pubblico o con una scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato, che ne attestino la conformità alle norme imperative e all'ordine pubblico. Ai fini dell'opponibilità ai terzi, il professionista entro i successivi 10 giorni trasmette copia del contratto al Comune di residenza per l'iscrizione all'anagrafe.    

Il contratto di convivenza non può essere sottoposto a termine o condizione e si risolve per:

  • accordo delle parti o recesso unilaterale (con atto pubblico o scrittura privata con firma autenticata, come sopra)           
  • matrimonio o unione civile tra i conviventi o tra un convivente ed altra persona (il contraente deve notificare all'altro e al professionista l'estratto di matrimonio o di unione civile)
  • morte di uno dei contraenti (il superstite o gli eredi devono notificare al professionista di cui sopra l'estratto dell'atto di morte, affinché lo annoti a margine del contratto e lo notifichi all'anagrafe del Comune di residenza). 

I conviventi di fatto hanno inoltre diritto reciproco di visita, di assistenza e di accesso alle informazioni personali, in caso di malattia o di ricovero. Nei casi previsti dalla legge ogni convicente può designare l'altro quale suo rappresentante.                      

Il convivente di fatto può essere nominato tutore, curatore o amministratore di sostegno, qualora l'altro sia dichiarato interdetto o inabilitato.                     

In caso di cessazione della convivenza di fatto, il giudice stabilisce il diritto e la misura degli alimenti, per un periodo proporzionale alla durata della convivenza, qualora il convivente si trovi in stato di bisogno e non sia in grado di provvedere al proprio mantenimento.

Dove rivolgersi
Dove rivolgersi

Ufficio Servizi Demografici
Via Vintler, 16 - I piano, stanza 10

Orario

lun - ven: ore 8.30-13.00
sab: chiuso

Tel.

0471 997 128, ore 8.30-10.30

Ripartizione1. Affari Generali e Personale

Allegati:

Torna ad inizio pagina
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::