Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

Trasferimento della residenza da altro Comune italiano e cambio di abitazione all'interno del Comune

Il trasferimento della residenza o il cambio di abitazione devono essere comunicati all'anagrafe attraverso la "Dichiarazione di residenza" (vedi Allegato 1) entro 20 giorni dalla data dello spostamento. La decorrenza di iscrizione nell'anagrafe dei residenti corrisponde alla data della richiesta.

Se cambia residenza/abitazione un'intera famiglia, la dichiarazione dovrà essere sottoscritta da tutti i componenti maggiorenni del nucleo familiare.

Per le cosiddette "convivenze anagrafiche" in conventi, case di riposo, caserme, carceri (e simili), è il responsabile di queste strutture a dover comunicare le mutazioni di residenza dei componenti; il modulo da usare è l'allegata Dichiarazione di residenza in convivenza anagrafica.

Documentazione necessaria:
è elencata nell'Allegato 1

Si rappresenta che l'art. 5 della Legge 23 maggio 2014, n. 80 prevede che:

1. Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, gli atti aventi ad oggetto l'allacciamento dei servizi di energia elettrica, di gas, di servizi idrici e della telefonia fissa, nelle forme della stipulazione, della volturazione, del rinnovo, sono nulli, e pertanto non possono essere stipulati o comunque adottati, qualora non riportino i dati identificativi del richiedente e il titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell'unità immobiliare in favore della quale si richiede l'allacciamento. Al fine di consentire ai soggetti somministranti la verifica dei dati dell'utente e il loro inserimento negli atti indicati nel periodo precedente, i richiedenti sono tenuti a consegnare ai soggetti somministranti idonea documentazione relativa al titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell'unità immobiliare, in originale o copia autentica, o a rilasciare dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell' articolo 47 del testo unico di cui al D.P.R. 8 dicembre 2000, n. 445.

1-bis. I soggetti che occupano abusivamente alloggi di edilizia residenziale pubblica non possono partecipare alle procedure di assegnazione di alloggi della medesima natura per i cinque anni successivi alla data di accertamento dell'occupazione abusiva.

1-ter. Sono fatti salvi, fino alla data del 31 dicembre 2015, gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla base dei contratti di locazione registrati ai sensi dell' articolo 3, commi 8 e 9, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23.

Per la prassi amministrativa dell'ufficio anagrafe questo significa che attualmente possono essere accettate le dichiarazioni di residenza solamente se il dichiarante presenta un titolo che lo autorizza ad occupare l'immobile (certificato di proprietà, contratto di locazione, ecc.) ovvero se presenta la relativa dichiarazione sostitutiva della titolarità dell'immobile, resa ai sensi dell' articolo 47 del D.P.R. 8 dicembre 2000, n. 445 e ss.mm., oppure la dichiarazione del proprietario dell'immobile, che andranno a costituire parte integrante della dichiarazione di residenza (vedasi allegati sotto).
 

DICHIARAZIONE DI CAMBIO RESIDENZA / ABITAZIONE
(DATI RELATIVI ALLA TITOLARITÁ DELL'ALLOGGIO)
 
Il D.L. 28/03/2014 n. 47 "Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015, "convertito con modificazioni, nella legge 23/05/2014 n. 80 all'art. 5 "Lotta all'occupazione abusiva", dispone, al primo paragrafo che "Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può richiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge".
In applicazione di tali disposizioni ai fini della ricevibilità delle dichiarazioni di residenza si forniscono di seguito le indicazioni in merito alla modulistica da allegare alla dichiarazione:
 
 
TITOLO DI OCCUPAZIONE ALLOGGIO
DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
 
 
Proprietario
  • Titolo di proprietá

    oppure
     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 1
 
 
Locatario con contratto registrato
  • Contratto di locazione   

    oppure

     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 1
 
 
Locatario con contratto
non registrato
  • Contratto di locazione   

    oppure

     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 2
 
 
 
Familiare del locatario
  • Indicazioni delle generalitá del familiare nel contratto di locazione

    in mancanza
     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 2
 
 
Usufruttuario
  • Titolo costitutivo dell'usufrutto

    oppure
     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 1)
 
Comodatario con contratto registrato
 
  • Titolo costitutivo del comodato d'uso

    oppure
     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 1
 
 
 
Comodatario con contratto non registrato
  • Titolo costitutivo del comodato d'uso

    oppure
     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 2)
 
 
Altro titolo di occupazione dell'alloggio
  • Titolo autorizzativo dell'occupazione

    oppure
     
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietá (allegato 2)
 

Modalità di presentazione

Le dichiarazioni di residenza possono essere presentate direttamente agli sportelli anagrafici del Comune, oppure inviate per raccomandata, per fax o per posta elettronica sull'apposito modello (Allegato 1).

Presentazione allo sportello:
Ufficio Servizi demografici
via Vintler, 16 - 1° piano, stanza 8, sportello 3
N.B.: Se la dichiarazione viene consegnata direttamente allo sportello anagrafico, la relativa documentazione in originale da esibire dovrà essere prodotta anche in copia, per la conservazione agli atti dell'ufficio.

Per informazioni
Tel. 0471 997167, ore 8.30-10.30
Fax 0471 997 160

Invio tramite raccomandata indirizzata a:
Comune di Bolzano - Ufficio Servizi demografici
Via Vintler 16 - 39100 Bolzano

L'invio per posta elettronica è consentito ad una delle seguenti condizioni:
a) che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
b) che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della carta di identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione; al momento tale possibilità non è consentita;
c) che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
d) che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquiste mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

Indirizzi di posta elettronica da usare:

Ricordiamo che a Bolzano sono state istituite le zone colorate per il parcheggio delle autovetture ed è quindi necessario chiedere il rilascio del contrassegno con il colore della zona di residenza presso i Centri Civici.

Attenzione: sebbene nel modulo (Allegato 1) non sia obbligatorio INDICARE IL NUMERO DI INTERNO dell'abitazione, è consigliabile inserirlo per velocizzare i controlli dell'ufficio; qualora non si conosca, potrà essere desunto dalla visura catastale. 

Riferimenti normativi:
Legge 24.12.1954 n.1228 - D.P.R. 30.5.1989 n.223 - Legge 4.4.2012 n.35

Torna ad inizio pagina
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::