Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 03.03.2011 11:20
Rubrica:  [Cultura] 

La storia del Teatro Verdi in mostra alla Galleria Civica

Il Teatro Verdi (Apri l'immagine jpg, 35 Kilobyte, 544 per 346 pixel)

Il Teatro Verdi

 
Fino al 26 giugno 2011

"Stadttheater/Teatro Civico/Teatro Verdi di Bolzano 1918-1943. Storia di un teatro di confine" è il titolo della mostra promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Bolzano e organizzata dall'Ufficio Servizi Museali e Storico-artistici e dall'Archivio Storico del Comune negli ambienti della Galleria Civica dal 5 marzo al 26 giugno  (da martedì a venerdì: 9.00-13.00, 15.00-19.00; sabato e domenica: 10.00-18.00; lunedì chiuso.  Informazioni: 0471-977885, 0471-997697).

Obiettivo primario della mostra è di restituire alla memoria collettiva la storia ed il ricordo del principale teatro pubblico presente nel capoluogo nella prima parte del Novecento.

Come ha spiegato la  curatrice dell'esposizione Angela Mura dell'Archivio Storico Cittadino che con Massimo Bertoni ha curato anche il catalogo,  la mostra  racconta storia, vicende e vicissitudini del  Teatro Civico, commissionato dal borgomastro Julius Perathoner e realizzato da Max Littmann, architetto di Monaco di Baviera di fama internazionale specializzato nella progettazione di edifici teatrali.
Fu inaugurato nel 1918. Sorgeva nel parco della stazione e poteva contenere 750 spettatori, distribuiti nella platea e nelle due file di loggioni. I bombardamenti alleati alla vicina stazione lo danneggiarono gravemente a partire dal settembre 1943, finché, nel Dopoguerra, fu abbattuto. La sua storia artistica si intrecciò con i cambiamenti politici e sociali che segnarono il periodo tra le due guerre.
Dopo l'iniziale gestione tedesca, caratterizzata dall'attività della compagnia stabile e dall'ospitalità di compagnie provenienti da Austria e Germania, seguirono stagioni con programmazioni distinte per lo spettatore italiano e tedesco. A partire dal 1934 gli spettacoli di prosa e di rivista si tennero solo in lingua italiana e sul palcoscenico salirono attori prestigiosi quali Wanda Capodaglio, Alexander Moissi, Paola Borboni, i fratelli De Filippo, Angelo Musco, Ruggero Ruggeri, Memo Benassi, Dina Galli, Maria Melato, Salvo Randone. Il melodramma, grazie all'impegno di Mario Mascagni, diventò un punto fermo nel processo di italianizzazione della cultura dello spettacolo. Furono scritturate le voci più belle della lirica nazionale, Toti Dal Monte, Gilda dalla Rizza, Antonio Bagnariol, Mario Del Monaco.

Il percorso espositivo della mostra si apre con una sezione monografica sull'architettura del Teatro Civico, dedicato a Giuseppe Verdi nel 1937: i progetti originali di Littmann, le tante fotografie di interni ed esterni, una fedele ricostruzione della forma dell'impianto, restituiscono la sua imponenza e bellezza. Preziosi documenti relativi alla storia della sua gestione e reperti, ne completano la conoscenza.

Altrettanto suggestiva e ricca di materiali si presenta la sezione dello spettacolo. Vicino ai volti degli attori e cantati, italiani e tedeschi, che interpretarono commedie, melodrammi, operette e varietà sul palcoscenico del teatro bolzanino, sono esposti costumi del tempo, copioni di opere rappresentate, oggetti di scena.

Altri spazi espositivi illustrano le diverse funzioni assolte dal teatro, quali l'ospitalità, durante gli anni di governo fascista, di manifestazioni e celebrazioni civili (la Befana Fascista, la ricorrenza della Marcia su Roma, ecc), le Mostre Biennali d'Arte, proiezioni cinematografiche e competizioni sportive.

Al piano inferiore la mostra propone una ricostruzione, attraverso immagini e suoni, della vita del Teatro Civico. Una serie di installazioni video coordinate ci restituisce la suggestione della sua programmazione artistica: sullo sfondo il repentino mutare di scenari nella realtà cittadina tra le due guerre restituisce lo spirito culturale del tempo.

Accompagna la mostra un catalogo, curato come detto da Massimo Bertoldi e Angela Mura, che analizza le caratteristiche architettoniche dell'edificio e approfondisce le stagioni teatrali in cui si esibirono importanti attori di prosa e cantanti lirici, tedeschi e italiani.

(aa)

Media:

Download:

 
Così, dopo i bombardamenti (Apri l'immagine jpg, 109 Kilobyte, 1009 per 718 pixel)

Così, dopo i bombardamenti

Erano 750 i posti a sedere (Apri l'immagine jpg, 132 Kilobyte, 539 per 833 pixel)

Erano 750 i posti a sedere

Locandina (Apri l'immagine jpg, 122 Kilobyte, 878 per 883 pixel)

Locandina

Modello del Teatrp (Apri l'immagine jpg, 1,552 Kilobyte, 2896 per 1944 pixel)

Modello del Teatrp

Modello del Teatro (Apri l'immagine jpg, 1,513 Kilobyte, 2896 per 1944 pixel)

Modello del Teatro

Esposizione (Apri l'immagine jpg, 327 Kilobyte, 2430 per 1932 pixel)

Esposizione

Interno (Apri l'immagine jpg, 1,459 Kilobyte, 2896 per 1944 pixel)

Interno

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::