Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 14.06.2012 09:45
Rubrica:  [Cultura]  [Manifestazioni ed eventi] 

All'Archivio storico la Colomba della Pace Martin Niemöller 2012

I ragazzi di Dobbiaco e il prof. Rogger  passano il premio a Hannes Obermair (Apri l'immagine jpg, 350 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

I ragazzi di Dobbiaco e il prof. Rogger passano il premio a Hannes Obermair

 
Questa mattina la premiazione ufficiale

Questa mattina, presso l'Antico Municipio, l'Archivio Storico della Città di Bolzano è stato premiato con un'onorificienza particolarmente significativa: la "Martin-Niemöller-Friedenstaube", la colomba della pace intitolata al teologo Martin Niemöller. Il premio è stato consegnato all'Archivio Storico, al suo direttore Hannes Obermair e al suo team, per l'intenso lavoro scientifico sul fascismo e il nazionalsocialismo, lavoro considerato un veicolo di pacificazione e di riconciliazione fra i popoli. Il premio annuale è stato creato dall'artista germanico Richard Hillinger che ha dedicato trenta colombe bronzee alla memoria del noto teologo Martin Niemöller (1892-1984). Esse vengono consegnate da alcuni anni a persone e istituzioni che attivamente si impegnano per la pace. Niemöller era stato internato, a causa della sua resistenza al regime nazista, dal 1937 in poi nei campi di concentramento di Sachsenhausen e Dachau e fu liberato in Alto Adige nel aprile 1945.
Hanno partecipato alla cerimonia: l'assessora alla Cultura Patrizia Trincanato, Hans-Günter Richardi (direttore dell'Archivio Storico Lago di Braies), Hermann Rogger (vicedirettore della scuola media di Dobbiaco), parroco Marcus Friedrich (Comunità evangelico-luterana di Bolzano-Gries), Hannes Obermair (direttore dell'Archivio storico di Bolzano) e scolaresche della scuola media di Dobbiaco.

Il percorso della colomba della pace sinora
L'onorificenza fu attribuita la prima volta nel 2010 al Sito memoriale di Dachau con la sua chiesa evangelica di riconciliazione ed è stato da lì consegnato all'Archivio Storico del Lago di Braies, sotto la direzione di Caroline Heiss e Hans-Günter Richardi. Essi attribuirono il premio nel 2011 alla Scuola media di Dobbiaco per il progetto pluriennale di pace portato avanti da Hermann Rogger con diverse classi. La scuola media ha infine deciso di passare l'onorificenza all'Archivio Storico della Città di Bolzano, al suo direttore Hannes Obermair e al suo team, il quale a sua volta potrà designare il prossimo vincitore.

Il lavoro di pace dell'Archivio Storico
Per l'Archivio Storico la consegna della colomba di pace rappresenta un'alta onorificenza. Essa è il frutto del continuo lavoro di memoria che l'istituto ha dedicato negli anni proprio ai periodi più bui della storia di Bolzano e del territorio, profondamente segnati dall'esperienza totalitaria. Quest'attività si è svolta su diversi piani, su quello scientifico e pubblicistico (attraverso libri, conferenze e seminari), su quello didattico (attraverso visite guidate nello spazio cittadino e l'elaborazione di percorsi tematici) e infine attraverso interventi tangibili nello spazio pubblico (con la realizzazione di siti della memoria e con la dedica di strade piazze a personalità dell'antifascismo).
I temi centrali di queste iniziative possono essere raggruppati così:
1) La memoria attiva dell'Olocausto attraverso il ricordo delle vittime del Lager nazista di Bolzano, memoria che viene mantenuta viva grazie ai siti della deportazione, ai quali ultimamente si è aggiunto il "Passaggio della Memoria" in via Resia dinanzi ai resti del campo di concentramento.
2) Il massacro del 12 settembre 1944, quando le SS uccisero ad Oltrisarco brutalmente 23 internati del Lager di Bolzano.
3) Le famigerate "leggi razziali" fasciste del 1938/39, che comportarono la spietata discriminazione della popolazione ebraica da parte del regime fascista e che avrebbero facilitato di seguito ai nazisti la cattura, la deportazione e l'uccisione delle loro innocenti vittime.
4) La memoria di Franz Innerhofer, la prima vittima della violenza fascista a Bolzano, uccisa il 24 aprile 1921.

Queste molteplici iniziative prendono spunto dal concetto " Bolzano: città di due dittature". Esso è rivolto alla rielaborazione in chiave storica del fenomeno particolare che una città e una regione abbiano vissuto una duplice esperienza dittatoriale, sia il fascimo italiano che quello tedesco con le loro odiose manifestazioni. L'Archivio sta pertanto proponendo da tempo modi di leggere la storia che affrontino questa scomoda eredità, sfruttando allo stesso tempo le grosse opportunità di rielaborazione che possano offrire una politica democratico della memoria. È importante che l'opinione pubblica, le scuole, la ricerca, chi abita questa città da tempo e chi da poco vi è immigrato apprendano quali immagini di storia la città porti con sé e come poterne parlare in modo adeguato.


La "Martin-Niemöller-Friedenstaube"
(colomba della pace intitolata a Martin Niemöller)

La colomba della pace intitolata a Martin-Niemöller è una di 30 colombe bronzee con il ramicello d'olivo create dall'artista germanico Richard Hillinger. Il teologo e parroco evangelico Martin Niemöller (1892-1984), avversario del regime nazista, fu internato dal 1937 in poi nei campi di concentramenti di Sachsenhausen e Dachau. Nel aprile del 1945 fu liberato dagli Americani in Alto Adige, dopo essere stato, nell'ultima fase del conflitto mondiale, deportato a Braies dalle SS assieme ad altri ostaggi prominenti. Niemöller già nell'ottobre del 1945, pubblicò con grande coraggio intellettuale una pubblica ammenda, la cosiddetta "Stuttgarter Schuldbekenntnis", con la quale denunciò in chiare parole la complicità dei cristiani e della società civile intera con i terribili crimini del nazionalsocialismo.
Le colombe della pace in sua memoria si rifanno ai trenta articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite. Le colombe vengono consegnate con un atto simbolico a varie personalità, fra cui Nelson Mandela, il Dalai Lama ed altri premi Nobel della pace, nonchè a persone che si sono impegnate per la pace e la riconciliazione dei popoli in qualsiasi parte del mondo.

(aa)
 
La Colomba (Apri l'immagine jpg, 22 Kilobyte, 314 per 371 pixel)

La Colomba

Francobollo raffigurante Martin Niemöller (Apri l'immagine jpg, 19 Kilobyte, 266 per 228 pixel)

Francobollo raffigurante Martin Niemöller

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::