Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 18.04.2013 15:16
Rubrica:  [Cultura] 

La Memoria in Rassegna 2013

Video e materiali raccolti con il progetto Memoria in Rassegna (Apri l'immagine jpg, 1,496 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Video e materiali raccolti con il progetto Memoria in Rassegna

 
Si amplia l'archivio audiovisivo della Memoria

La Memoria in Rassegna è una raccolta di videoproduzioni riferite ai temi della Resistenza, Deportazione e Liberazione. Si tratta di un'iniziativa a carattere biennale ideata e promossa dal Comune di Bolzano attraverso l'Archivio Storico e dal Comune di Nova Milanese. Stamane nel corso di una conferenza stampa in Municipio l'Assessore alla Cultura Patrizia Trincanato, con il responsabile dell'Archivio Hannes Obermair e la curatrice dell'iniziativa Carla Giacomozzi, ha illustrato obiettivi e finalità di un progetto nato dall'esigenza di conoscere, diffondere e valorizzare i prodotti audiovisivi che, dentro o fuori dai grandi circuiti, conservano memoria di persone, fatti e luoghi rilevanti per una parte della storia del novecento

La Memoria in Rassegna giunta nel 2013 alla sua nona edizione, consente di ampliare progressivamente l'Archivio Audiovisivo della Memoria, che ha sede presso l'Archivio Storico del Comune di Bolzano e presso la Biblioteca Civica Popolare del Comune di Nova Milanese. Un'opera in costante ampliamento ordinata con criteri che la rendono liberamente consultabile da parte di tutti gli interessati. MIR (acronomimo del progetto) non è quindi un censimento delle produzioni audiovisive presenti sul territorio nazionale o internazionale, bensì un vero e proprio archivio tematico in cui reperire fisicamente e visionare i titoli multimediali.

Resistenza, alleati , sacerdoti, ghetto, razzismo, antisemitismo, scioperi, eccidi, donne nei Lager sono solo alcune delle categorie attraverso le quali sono stati indicizzati i 379 materiali visivi pervenuti sino ad oggi. Oltre dieci le nazioni dei video maker o registi professionisti  tra cui spiccano anche alcune celebrità come Steven Spielberg, Mimmo Calopresti, Jana Hyklovà, ecc.

Per questa nona edizione, istituzioni di ricerca, scuole, musei, enti, organizzazioni e privati hanno inviato 29 videoproduzioni in cinque lingue (Italiano, tedesco, rom, slovacco e polacco). Due nuovi video si sono aggiunti ai 37 pervenuti nelle scorse edizioni con riferimento al tema: "Lager di Bolzano".

"Attraverso questi materiali - è stato sottolineato in conferenza stampa- si può scoprire una storia spesso inedita, grazie alla memoria raccontata da testimoni, alla ricostruzione solo di fatti, ma anche di contesti sociali, religiosi ed economici, si può tracciare una geografia della memoria, che ripercorre i luoghi della liberazione, deportazione e resistenza". 

Visto il grande riscontro di questo progetto a livello nazionale ed europeo, l'Assesorato alla Cultura inserirà la proiezione di una selezione di video nella prossima offerta didattica per le scuole ed organizzerà delle proiezioni pubbliche per far scoprire questo patrimonio a tutta la cittadinanza.
 
L'iniziativa ha avuto l'onore dell'alto patronato della Presidenza della Repubblica Italiana e numerose altre istituzione pubbliche ed importanti enti ed  associazioni che testimoniano il valore storico ed etico di questa raccolta di documentazione a difesa delle vittime del fascismo e del nazionalsocialismo.

(mp)
 
Conferenza stampa. Da sx: Giacomozzi, Trincanato e Obermair (Apri l'immagine jpg, 1,803 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Conferenza stampa. Da sx: Giacomozzi, Trincanato e Obermair

Un fotogramma di uno dei video presentati in conferenza stampa (Apri l'immagine jpg, 460 Kilobyte, 2238 per 1306 pixel)

Un fotogramma di uno dei video presentati in conferenza stampa

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::