Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 07.06.2018 16:30
Rubrica:  [Scuola e tempo libero]  [Varie] 

Scuole dell'Infanzia del Comune ad alta qualità certificata

La Certificazione di Qualità attribuita al Servizio Scuole dell'Infanzia del Comune di Bolzano (Apri l'immagine jpg, 87 Kilobyte, 600 per 850 pixel)

La Certificazione di Qualità attribuita al Servizio Scuole dell'Infanzia del Comune di Bolzano

 
Importante riconoscimento per il Servizio Scuole dell'Infanzia della Città di Bolzano

L'anno scolastico 2017-2018 si avvia a conclusione anche per i bambini più piccoli e stamane l'Assessore comunale competente Monica Franch, con i dirigenti ed i funzionari responsabili del Servizio Scuole dell'Infanzia, ha voluto tracciare un bilancio di fine anno. Nel corso di una conferenza stampa presso la scuola materna "Raggio di Sole" di via Genova, sono stati presentati in dettaglio i "numeri" relativi alle scuole dell'infanzia cittadine con esplicito riferimento alla ristorazione collettiva. E' stata anche l'occasione per presentare la recente "Certificazione di Qualità RINA" attribuita al Servizio Scuole dell'Infanzia per la ristorazione, la pulizia e la sanificazione nonché per la gestione amministrativa del Servizio stesso. Bolzano è con Pesaro l'unico Comune in Italia ad aver ottenuto tale Certificazione.

Nel corso della conferenza stampa l'Assessore Franch ha fornito alcuni numeri che delineare le caratteristiche del Servizio. Le scuole dell'infanzia gestite dal Comune di Bolzano sono 40  (30 edifici, 117 sezioni) e accolgono 2.530 bambini iscritti. Le cucine sono 14, il  numero di pasti erogati all'anno 464.000, quelli  giornalieri 2.697. I menù elaborati sono 10, le richieste di diete personalizzate 700. Il personale di cucina è composto da 42 persone, quello  inserviente 58, mentre due sono le persone in magazzino.La retta mensile di frequenza per un bambino è di 72 Euro (102 per il tempo prolungato). Per le scuole materne cittadine il Comune impiega oltre 8 milioni di Euro l'anno, di cui 1,8 coperto con le rette di frequenza.

Come hanno sottolineato il direttore della Ripartizione Carlo Alberto Librera,  il direttore del Servizio Scuole Infanzia Hugo Di Blasi e la responsabile del Servizio Qualità Monika Tratter,: "L'obiettivo prioritario è quello di 'agevolare l'accessibilità del servizio alle esigenze delle famiglie e dei bambini garantendo ambienti sani, idonei e sicuri sia rispetto alle attività svolte, che all'alimentazione. Si tratta in sostanza  di mettere al centro dell'attenzione la persona, in questo caso le famiglie e i bambini che frequentano la scuola d'infanzia, offrendo un servizio adeguato ai loro bisogni. Riteniamo - hanno aggiunto- che sanificazione e ristorazione collettiva siano elementi indispensabili affinchè il bambino possa trarre ogni beneficio possibile anche dal punto di vista educativo. In questo senso la soddisfazione del cittadino/utente ed il miglioramento continuo del servizio offerto, sono elementi fondanti del Servizio Scuole dell'Infanzia e del relativo sistema qualità". 
 
L'Assessore Monica Franch ha inoltre sottolineato che: "Gli obiettivi principali per garantire la qualità del servizio sono riconducibili al "cliente" istituzionale, la Provincia Autonoma di Bolzano, ovvero al sistema educativo provinciale che è l'istituzione preposta all'insegnamento. E' impegno dell'Amministrazione comunale consentire ed agevolare lo svolgimento dell'attività educativa in ambienti idonei, sicuri, agevoli, sani e belli, quindi agli utenti,  bambini e famiglie, destinatari finali dei servizi erogati. In sintesi, il Servizio Scuole dell'Infanzia intende rispondere ai bisogni attraverso la cura dell'alimentazione del bambino, privilegiando un'alimentazione biologica e sostenibile, con particolare attenzione all'adozione di menù approvati dal servizio di dietetica e nutrizione clinica dell'ASL e con la possibilità di personalizzazione nei casi previsti dal regolamento comunale  assicurando nei limiti del possibile la vicinanza delle strutture per l'infanzia alle abitazioni degli utenti. Gli spazi destinati ai bambini devono essere adeguati in termini di dimensione, di presenza di aree verdi, di pulizia (attraverso l'utilizzo di prodotti a basso impatto ambientale), di sicurezza,  agli standard e ai vincoli previsti dalle vigenti direttive. Ciò è reso possibile da un'attenta progettazione delle nuove strutture e dalla pianificazione degli interventi di adeguamento e ristrutturazione degli stabili e dei locali. Ovviamente va sempre garantita la funzionalità e la sicurezza di attrezzature, macchinari, impianti, arredi, attraverso una regolare manutenzione. A tale scopo si adottano sistemi di autocontrollo, per tutti i processi relativi ai servizi di ristorazione e sanificazione, con adeguata formazione del personale operativo".

 

(mp)
 
L'Assessora Franch con collaboratori del Servizio Scuole dell'Infanzia (Apri l'immagine jpg, 1,613 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

L'Assessora Franch con collaboratori del Servizio Scuole dell'Infanzia

Conferenza stampa (Apri l'immagine jpg, 1,076 Kilobyte, 2096 per 1291 pixel)

Conferenza stampa

Scuola dell'Infanzia Raggio di Sole di via Genova (Apri l'immagine jpg, 329 Kilobyte, 1888 per 1290 pixel)

Scuola dell'Infanzia Raggio di Sole di via Genova

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::