Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 08.10.2018 19:27
Rubrica:  [Cultura] 

L?Oggetto del mese del Museo Civico di Bolzano n. 81 - Ottobre 2018

Cesta in vimini per i ricci delle castagne, L=78cm. XIX secolo. Collezione Wohlgemuth, Inv. n. SM 1334 (CM 6305). (Apri l'immagine , 100 Kilobyte, 1024 per 451 pixel)

Cesta in vimini per i ricci delle castagne, L=78cm. XIX secolo. Collezione Wohlgemuth, Inv. n. SM 1334 (CM 6305).

 
Autunno: tempo di castagne

Autunno in Tirolo, ma soprattutto più a Sud, in Alto Adige, è sinonimo di castagne.
Già dal tempo dei Romani, l'albero da cui deriva la castagna (lat. Castanea sativa), frutto chiamato anche caldarrosta, ha sempre avuto molteplici usi in tutta Europa: non era solo un'importante fonte alimentare, ma anche prezioso legname per i vitigni e strame per gli animali della stalla. La pianta fu anche annoverata da Carlo Magno nel suo Regolamento di gestione dei beni del regno.

Per i loro valori nutrizionali (le castagne contengono il 7% di proteine, il 9% di lipidi e l'84% di carboidrati e, come tutti gli alimenti di origine vegetale, sono prive di colesterolo, fornendo 100 grammi di castagne (parte edibile) 81 mg di fosforo, 30 mg di calcio, 0,9 mg di ferro e 395 mg di potassio), i marroni sono sempre stati un alimento prezioso -anche in tempi di carestia-, tanto che, ad esempio in Germania, quest'anno il castagno è "albero dell"anno".

In Sudtirolo, specialmente in Val d'Adige e in bassa Val d'Isarco, gli imponenti alberi di castagne, con il loro movimentato e mai fitto abitare sul territorio, caratterizzano significativamente il paesaggio. Pare quindi strano che, a parte un cestino per scuotere le castagne e liberarle dai pungenti ricci dopo la raccolta, il Museo civico di Bolzano non abbia rinvenuto nelle sue collezioni del 1900, alcun altro utensile - come la tipica padella con i buchi per cuocerlo o il coltellino con lama piegata per inciderlo - riferibile al prezioso frutto.

Nella foto accanto, che si trova negli archivi del Museo civico, vediamo ritratto il mercato delle castagne, così come si svolgeva in autunno a Bolzano (anno 1910) e che rappresentava un' importante fonte di sostentamento per i contadini della zona.

Testo: Stefan Demetz, Antonella Arseni Longhin Foto: Museo civico di Bolzano

(pr)
 
(aristotipo al collodio - Atelier Lorenz Fränzl &Co., catalogo CM 1869). (Apri l'immagine , 212 Kilobyte, 980 per 644 pixel)

(aristotipo al collodio - Atelier Lorenz Fränzl &Co., catalogo CM 1869).

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::