Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 07.01.2019 12:51
Rubrica:  [Famiglia e sociale]  [Varie] 

Sindaco Caramaschi su Decreto Sicurezza

Municipio (Apri l'immagine jpg, 375 Kilobyte, 1914 per 1495 pixel)

Municipio

 
Emergenza freddo: l'impegno della Città capoluogo per le persone senza fissa dimora e per i richiedenti asilo

Il Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi, in riferimento ad alcuni articoli apparsi recentemente sulla stampa locale relativi al tema dell'accoglienza ai migranti e agli effetti del Decreto Sicurezza, rispetto ad alcune prese di posizione di esponenti di qualche comune altoatesino, torna ad evidenziare come il "Decreto Salvini" promulgato dal Capo dello Stato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sia a tutti gli effetti, Legge dello Stato e come tale vada applicato dai sindaci, non nella loro veste di responsabili dell'amministrazione comunale, ma come ufficiali di Governo, dovere al quale gli stessi sindaci, non possono sottrarsi. "Altro è il giudizio politico condivisibile o meno, così come ad altri toccherà eventualmente sollevare la questione di incostituzionalità del Decreto che dovrà essere vagliata dalla Suprema Corte". Non spetta dunque ai sindaci valutare le singole norme, bensì farle rispettare a prescindere dalla loro condivisione, a meno che, aggiunge Caramaschi "non si voglia scardinare lo stato di diritto della Repubblica Italiana".

Nel merito dell'accoglienza ai migranti il Sindaco di Bolzano ricorda come per altro si fosse già a suo tempo attivato sulla questione, con lettera indirizzata al Prefetto. Per quanto riguarda il "Servizio Emergenza Freddo" al fine di garantire il riparo notturno alle persone senza fissa dimora che trascorrono le notti dormendo all'aperto in città, ad oggi il Comune di Bolzano mette a disposizione 100 posti letto presso la struttura di via Ludwig von Comini, 16 posti letto per donne presso la struttura "Conte Forni" e 50 posti letto presso i container di via Macello per un totale di 166 posti letto per la stagione invernale. Tuttavia, molti richiedenti asilo vengono attualmente accolti nei centri per l'emergenza freddo succitati e non nei centri di accoglienza gestiti dalla Provincia di Bolzano. Di qui la richiesta di un intervento del Commissario del Governo affinchè i richiedenti asilo attualmente accolti nei centri per l'emergenza freddo vengano trasferiti nei  centri di accoglienza di competenza. Ciò consentirebbe al Comune di Bolzano di poter garantire alla maggior parte delle persone senza fissa dimora presenti sul territorio cittadino, un riparo notturno durante i mesi invernali.

Il Sindaco Caramaschi conclude affermando di voler attendere con una certa curiosità, gli atti concreti paventati da alcuni sindaci che hanno dichiarato di voler invitare i responsabili degli Uffici Anagrafe a non procedere con l'applicazione del Decreto.

(mp)
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::