Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 08.01.2019 16:25
Rubrica:  [Mobilità]  [Politica e amministrazione comunale]  [Varie] 

Giunta comunale di Bolzano. Conferenza stampa Sindaco Caramaschi

Prima seduta del 2019 per la Giunta comunale di Bolzano (Apri l'immagine jpg, 1,140 Kilobyte, 2256 per 1368 pixel)

Prima seduta del 2019 per la Giunta comunale di Bolzano

 
Tram: stabilito l'iiter per la valutazione della proposta di pateneriato pubblico privato

Stamane si è riunita la Giunta comunale per la prima seduta del 2019. Questi i temi affrontati dal Sindaco Renzo Caramaschi in conferenza stampa.

A seguito della presentazione in Comune lo scorso 20 dicembre di una proposta spontanea di PPP (Partenariato Pubblico Privato) per la progettazione, realizzazione e gestione di linee tramviarie cittadine da parte di un raggruppamento di società di cui è capofila la RATPDEV (azienda nata in Francia, ma che opera in ambito internazionale nella gestione della mobilità pubblica) e di cui fanno parte anche Architecna Engineering, CAF e Salcef Group, stamane la Giunta ha stabilito la composizione della commissione tecnica (conferenza dei servizi) chiamata a valutare tale proposta. A guidarla  Mario Begher direttore sostituto della Ripartizione Lavori Pubblici del Comune capoluogo. Nella conferenza dei servizi, oltre ai rappresentanti dei vari uffici comunali competenti (Mobilità, Appalti e Contratti, Ripartizione Finanziaria) saranno coinvolte anche le competenti strutture amministrative provinciali ed indirettamente, in qualità di supporto tecnico, esponenti delle società STA S.p.A. e SASA S.p.A. E' stato inoltre stabilito il termine perentorio di tre mesi (scadenza 20 marzo 2019) entro il quale la proposta andrà sottoposta alla Giunta comunale con delibera per la dichiarazione di fattibilità o meno. Tale termine rimarrà sospeso in caso di richiesta di integrazione documentale o di richieste di modifica della proposta stessa. Il Sindaco ha ricordato che in considerazione del fatto che si tratta di una prima proposta di PPP di tale rilevanza, sia sotto il profilo dell'impatto amministrativo e sulle strutture comunali, che economico, nonché dell'estrema ristrettezza dei termini da rispettare, saranno coinvolte nell'iter anche consulenti esterni sia per la valutazione economico-fianziaria, che per quella tecnica.
"Dobbiamo essere messi nelle condizioni di decidere se ammettere o meno la proposta. Qualora ritenessimo tale progetto fattibile e sostenibile da un punto di vista tecnico e finanziario - ha detto il Sindaco Caramaschi- allora potremmo avviare le trattative. Nel caso in cui, per ipotesi dovessimo giungere ad una approvazione del progetto, questo  sarà messo a concorso e sarà aperto alle società interessate. Apprendo dai giornali che vi sarebbe anche un'altra proposta in arrivo. Staremo a vedere. Noi agiremo in base ai termini di legge previsti in materia". Fermo restando l'accordo quadro tra Comune e Provincia per la realizzazione del tram nel capoluogo, i promotori dell'iniziativa, sulla base della proposta presentata, si accollerebbero gran parte dei costi di realizzazione dell'opera con capitali propri, a fronte di una concessione almeno ventennale per la gestione delle tramvie con canone annuale base.

Il Sindaco rispondendo alle domande dei giornalisti è tornato a parlare del Decreto Sicurezza. "Un conto - ha detto- è esprimere un giudizio politico sul Decreto, da parte mia negativo, altro è agire da sindaco quale ufficiale di Governo che deve applicare il Decreto, così come devono fare tutti i sindaci in quanto Legge dello Stato promulgata e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. Sarà eventualmente la Corte Suprema ad esprimersi sulla cosituzionalità o meno di tale norma. Parlando della situazione dei migranti nel capoluogo Caramaschi ha ricordato che: "A Bolzano, d'intesa con il Commissariato del Governo e la Provincia, abbiamo ottenuto lo spostamento di un congruo numero di richiedenti assistenza umanitaria in altri comuni altoatesini. Su circa 1.400 profughi presenti in provincia, 490 si trovano sul territorio comunale. All'inizio del mandato amministrativo erano oltre 900 e quindi, grazie all'azione degli SPRAR e alla sensibilizzazione da parte dell'Assessore provinciale Stocker dei Comprensori provinciali, abbiamo ristabilito un corretto rapporto anche numerico tra capoluogo e periferia".

Sull'accordo raggiunto per la formazione della nuova Giunta Provinciale il Sindaco Caramaschi ha detto che per la parte relativa a Bolzano: "L'importante è che mantengano gli impegni concordati e sottoscritti tra Città e Provincia. Auguro al nuovo governo provinciale di lavorare al meglio nell'interesse generale del territorio provinciale e anche per quello della Città di Bolzano".
 
Sul  passaggio pedonale di piazza Stazione, il Sindaco ha detto che si andrà a breve ad un suo raddoppio ovvero alla realizzazione di un attraversamento pedonale gemello spostato verso la nuova stazione dei pullman in modo tale da interdire il continuo passaggio di pedoni al di fuori delle strisce. Azione questa  che interrompe in continuazione il traffico. Sull'ipotesi di realizzare un sovrappasso all'altezza della rotatoria di piazza Stazione, il Sindaco ha confermato di avere in programma nei prossimi giorni un incontro con i rappresentati di una azienda privata locale che ha avanzato proposta e progetto in merito.
 
Decisioni
La Giunta ha approvato una delibera tecnica per prendere atto e confermare che piazza Don Vittorio Franzoi appartiene ai beni demaniali -ramo strade- del Comune di Bolzano. Stabilite le iniziative e le cerimonie in occasione del Giorno della Memoria, domenica 27 gennaio prossimo. Prevista alle ore 10.15 una deposizione di corone al Lager di via Resia, alle 11.00 deposizione di corone al monumento dedicato agli Ebrei della Regione presso il cimitero ebraico di Oltrisarco, alle 11.15 deposizione di corone al monumento a Manlio Longon presso il cimitero e alle 11.45 deposizione di corone al monumento alla Deportazione di via Pacinotti. Definita, nell'ambito dell'accordo quadro 2019 in merito ai servizi offerti da Seab in occasione di manifestazioni pubbliche, la somma di 20.000 Euro per l'anno in corso a parziale copertura di dette spese. Definito anche il calendario operativo delle attività degli uffici comunali per arrivare all'approvazione del conto consuntivo del Comune entro il 29 aprile 2019.
 


 

(mp)
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - vicolo Gumer 7 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - PEC: bz@legalmail.it ::