Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 25.06.2020 12:39
Rubrica:  [Varie] 

Polizia Municipale: tre casi di pirateria stradale

L'intervento dei vigili urbani in viale Trento (Apri l'immagine , 69 Kilobyte, 660 per 418 pixel)

L'intervento dei vigili urbani in viale Trento

 
I responsabili denunciati per omissione di soccorso e fuga

Periodo particolarmente impegnativo per il Nucleo Infortunistica della Polizia Municipale di Bolzano alle prese, nel breve giro di una settimana, con tre casi di pirateria stradale che hanno portato alla denuncia di altrettanti utenti della strada all'autorità giudiziaria per il reato di omissione di soccorso e fuga. Fondamentali si sono rivelate ancora una volta le varie telecamere di sorveglianza dislocate in città, le quali hanno permesso agli inquirenti di risalire velocemente ai colpevoli e risolvere così in maniera brillante i vari casi.
Il primo infortunio, in ordine di tempo, si è verificato sotto il porticato di corso Libertà dove un 50enne bolzanino, appena uscito da un negozio, è stato letteralmente travolto da una ciclista che  transitava in un'area dedicata ai pedoni. In seguito al violento urto entrambi sono finiti a terra, ma mentre il pedone è rimasto dolorante sul selciato, la ragazza (una 20enne residente in Trentino, ma domiciliata a Bolzano per motivi di lavoro) si è rialzata e si è allontanata in direzione di Gries, senza curarsi delle condizioni dell'uomo. Il pedone ha riportato un forte trauma facciale con profonda ferita al labbro suturata in ospedale con 4 punti. Visionati i filmati delle telecamere, gli agenti hanno dapprima rinvenuto la bicicletta, abbandonata in piazza Gries, riuscendo poi ad identificare la giovane che, una volta messa alle strette, ha finito per ammettere le proprie responsabilità.
Il secondo incidente ha visto coinvolto invece un automobilista residente a Vipiteno che in viale Trento, dopo aver investito sull'attraversamento ciclabile un bolzanino a bordo del proprio monopattino elettrico (veicolo quest'ultimo assimilato a tutti gli effetti ad una bicicletta) si è precipitosamente dato alla fuga . Dopo nemmeno un'ora di indagini l'automobilista era già stato individuato a convocato al Comando di via Galilei. I segni ancora freschi dell'impatto sulla carrozzeria della propria vettura non gli hanno lasciato scampo e l'uomo alla fine si è assunto la responsabilità dell'accaduto. 
L'ultimo episodio è avvenuto in via Claudia Augusta, di fronte alla chiesa, dove un 75enne residente a Nova Ponente nell'effettuare una manovra di inversione di marcia, ha tagliato la strada ad una donna che transitava a bordo del proprio motociclo, facendola cadere rovinosamente a terra. L'anziano, anziche fermarsi e prestare soccorso alla poveretta, ha ripreso la marcia allontanandosi precipitosamente. Grazie alla descrizione del veicolo e ad alcune preziose testimonianze, i reponsabili del Nucleo sono riusciti attraverso le telecamere ad individuare l'automobile e con la targa completa a risalire al proprietario, risultato poi essere anche il conducente, rintracciato tempestivamente dai militari della stazione Carabinieri di Nova Ponente, che hanno raccolto la dichiarazione dell'automobilista e visionato il veicolo. Tutti e tre i responsabili degli incidenti sono stati denunciati per il reato di omissione di soccorso e fuga e segnalati all'autorità giudiziaria.
Ma cosa prevede la legge, ed in particolare il codice della strada, di fronte a questi fenomeni di pirateria stradale? L'art.189 del Cds regola il comportamento in caso di incidente, distinguendosi in parte amministrativa e penale. In caso di infortunio con soli danni materiali, la legge punisce chi omette di comunicare i propri dati alla controparte, con sanzioni pecuniarie che partono dai 303 Euro e 4 punti di decurtazione dalla patente. Se i danni riportati dai veicoli coinvolti dovessero richiedere poi una revisione straordinaria, i punti decurtati diventano 10.
Molto più severe le sanzioni se l'incidente provoca feriti. L'omissione di soccorso viene punita con una denuncia all'autorità giudiziaria e la sospensione della patente da 18 mesi a 5 anni. In caso di fuga, oltre alla denuncia di natura penale scatta la sospensione della patente da 1 a 3 anni e la decurtazione di 10 punti. La raccomandazione quindi è quella di fermarsi sempre in caso di incidente, prestare soccorso ai coinvolti se feriti e scambiarsi i dati con la controparte. L'inosservanza delle disposizioni può comportare pesanti conseguenze, sia a livello pecuniario, che giudiziario.

(mp)
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::