Il decano Bernhard Holzer benedice la struttura