Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

Costruttori di nonviolenza

Libera Università di Bolzano, piazza Università 1

dal 17.04.2012 al 26.04.2012

Una mostra di manifesti racconta la storia del pacifismo mondiale. Ingresso libero.

Manifesto Gandhi (Apri l'immagine jpg, 74 Kilobyte, 315 per 456 pixel)
 

Lunedì 16 aprile l'inaugurazione alla LUB alle ore 17,30. 

Il Centro per la Pace ha accolto l'invito della casa per la pace "La Filanda" di Casalecchio di Reno di ospitare la mostra itinerante nell'ambito del convegno nazionale " La Pace, realismo di un'utopia", dedicato ai vent'anni dalla morte di Padre Ernesto Balducci e Padre David Maria Turoldo.
Complessivamente, i manifesti selezionati dalla raccolta ospitata da La Filanda sono 60 e raffigurano (o citano) 37 maestri di nonviolenza. Nella rassegna sono stati privilegiati soprattutto i manifesti che riportano anche una foto o un disegno del singolo personaggio. I vari personaggi sono disposti nella mostra secondo l'ordine alfabetico e ciascuno di essi è rappresentato in un numero di manifesti variabile da 1 a 5. L'unica eccezione è rappresentata da Aldo Capitini, "raccontato" da nove manifesti. Ciò, in omaggio al fatto che è stato il primo ad avere portato e diffuso in Italia la nonviolenza gandhiana e che ha promosso, nel 1961, la Marcia per la Pace "Perugia-Assisi" (di cui è appena stato celebrato il 50° anniversario) divenuta una delle più importanti marce per la pace al mondo. Una sintetica scheda biografica accompagna ciascun personaggio, evidenziandone il tipo di impegno.
La mostra si conclude con un gruppo di dieci manifesti che abbiamo chiamato "Costruttori insieme" in quanto in ognuno di essi sono raffigurati o citati vari "costruttori di nonviolenza", tra cui alcuni particolarmente noti e importanti (Gandhi, Martin Luther King, Madre Teresa di Calcutta, Alexander Langer, Desmond Tutu, Ernesto Balducci e David Maria Turoldo).

Come è stato per le altre mostre itineranti predisposte dal Centro internazionale del manifesto pacifista, anche questa mostra può rappresentare un utile strumento didattico per le scuole e, più in generale, permette di conoscere personaggi che sono poco o per nulla considerati sia in ambito scolastico che nell'informazione fornita dai mass-media. Un opuscolo di 40 pagine riporta tutte le schede biografiche dei personaggi presenti in mostra.
La mostra, ospitata nel corridoio antistante l'aula magna della Libera Università di Bolzano, rimarrà aperta al pubblico da lunedì 16 a giovedì 26 aprile. Ingresso libero.

Info:
Centro per la Pace
centropacebz@gmail.com
http://peacebz.wordpress.com/
Tel. 0471 402 382
da lunedì a venerdì: 9.30 - 12.30; 14.30 - 17.30

Logo del Centro per la Pace di Bolzano (Apri l'immagine jpg, 101 Kilobyte, 400 per 380 pixel)
 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::