Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

L'INCONTRO / Il ricordo a vent'anni dalla scomparsa: un vescovo che rassomigliava molto a Francesco d'Assisi

Sala di rappresentanza del Comune, vicolo Gumer 7

20.12.2012

DON TONINO BELLO, MAESTRO DI NONVIOLENZA Il nuovo libro di Sergio Paronetto sul vescovo che ha speso la vita per la pace e i diritti umani. Giovedì 20 dicembre - ore 18.00

Centro per la pace (Apri l'immagine jpg, 6 Kilobyte, 155 per 147 pixel)
 

Con la presenza dell'autore del libro, Sergio Paronetto, vicepresidente di Pax Christi Italia
Saluto del sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli
Interventi e testimonianze anche legate alla "storica" marcia della pace a Bolzano del 1990 quando don Tonino Bello e Alexander Langer guidarono il corteo insieme al vescovo Wilhelm Egger, e lanciarono un accorato appello contro l'incipiente guerra del Golfo.

La serata sarà l'occasione anche per uno scambio di auguri natalizi

A vent'anni dalla morte del vescovo che ha fatto della pace e dei diritti umani il suo programma di vita. Il vescovo poeta, che ha saputo condividere fino in fondo la vita degli altri, mettendo in pratica un vangelo radicale, senza compromessi.
Presentermo il libro appena uscito, scrito dal vicepresidente di Pax Christi Italia, Sergio Paronetto, dal titolo "DON TONINO BELLO, MAESTRO DI NONVIOLENZA" Edizioni Paoline".

La scelta nonviolenta di don Tonino è presentata spesso con le sue parole-immagini, p
erché possiamo penetrarvi come in un grembo generatore.
In simbiosi ideale con Bettazzi e Mazzolari, Bonhoeffer e Luther King, Gandhi e Capitini, Dolci e Lanza del Vasto, Hélder Pessoa Câmara e Romero, Balducci e Turoldo, La Pira e Langer, Galtung e Tutu, Hildegard Goss-Mayr e San Suu Kyi, Martini e Giovanni Paolo II fino a Benedetto XVI, Bregantini, Ciotti e a tanti volti, compresi quelli biblici, con cui dialoga spesso, don Tonino racconta la nonviolenza come insieme di storie e di esperienze con lo stile di un moderno padre della Chiesa del Concilio Vaticano II, che sta maturando a fatica una teologia vitale di nonviolenza come sostanza del vangelo di Cristo.La pace è un'arte che si impara formandosi alla nonviolenza, costruendo la convivialità delle differenze, coltivando il sogno più profondo e realista dell'umanità. Cuore del suo pensiero attivo: la nonviolenza e il processo di pace.

«Attecchirà davvero la semente della nonviolenza?
Sarà davvero questa la strategia di domani?
È possibile cambiare il mondo col gesto semplice dei disarmati?".
Le brucianti domande poste dopo il viaggio a Sarajevo del dicembre 1992 rendono credibile e verace la sofferta testimonianza di Tonino Bello per circa dieci anni maestro e guida del popolo della pace, attivo e contemplativo, dolce e potente poeta e profeta mite e determinato».
(Sergio Paronetto)

DON TONINO BELLO, MAESTRO DI NONVIOLENZA (Apri l'immagine jpg, 569 Kilobyte, 1240 per 1755 pixel)
 
Condividi articolo:
 
  • Home
  • >La Città
  • > Appuntamenti
  • > L'INCONTRO / Il ricordo a vent'anni dalla scomparsa: un vescovo che rassomigliava molto a Francesco d'Assisi
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::