Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina

Poesia e passione: Il fuoco della profezia

Concerto

28.12.2012

Parole e Musica ricordando DON GIUSEPPE RAUZI BOLZANO, Chiesa della Visitazione VENERDÌ 28 DICEMBRE - ore 21 (ingresso libero) Gemma Bertagnolli, soprano, Elke Hager, violoncello, Michele Giro, pianoforte letture di Don Renato Sacco

Centro per la pace (Apri l'immagine jpg, 6 Kilobyte, 155 per 147 pixel)
 

testi di David Maria Turoldo (selezionati da Luca Sticcotti) ed Ernesto Balducci (selezionati da Francesco Comina)
musiche di Luca Sticcotti


Con l'intitolazione di una piazza a lui dedicata lo scorso 22 novembre la città di Bolzano ha ricordato il decimo anniversario della scomparsa di don Giuseppe Rauzi, parroco della Visitazione ed insegnante al liceo Carducci.
Le iniziative in ricordo del sacerdote scomparso si concludono il 28 dicembre con una serata di parole e musica, nel solco di una tradizione che negli ultimi anni ha voluto ricordare due tra le più grandi passioni che animarono don Rauzi.
Per l'occasione la chiesa della Visitazione ospiterà la cantante bolzanina Gemma Bertagnolli che sarà coinvolta nell'interpretazione di musiche originali, realizzate dal compositore Luca Sticcotti, su testi di David Maria Turoldo. La soprano Gemma Bertagnolli sarà accompagnata da Michele Giro al pianoforte ed Elke Hager al violoncello.
Ai brani musicali si affiancheranno letture tratte da scritti e discorsi tenuti da padre Ernesto Balducci. La serata si ricollega infatti anche al convegno che il Centro per la Pace del Comune di Bolzano ha voluto dedicare nello scorso aprile a Pietralba a Balducci e Turoldo, due tra i più importanti testimoni della chiesa del Concilio, a 20 anni della loro scomparsa.
Per le letture dei testi di Balducci la serata/recital ospitata presso la chiesa della Visitazione vedrà la partecipazione di don Renato Sacco, membro di Pax Christi Italia, noto per le sue battaglie contro l'acquisto dei caccia F35 da parte dell'esercito italiano.
La serata del 28 dicembre avrà inizio alle ore 21 e sarà ad ingresso libero e gratuito. E' stata resa possibile dalla sinergia tra Associazione Ermete Lovera e il Centro per la Pace del Comune di Bolzano, con il sostegno economico degli Uffici Cultura di Provincia e Comune di Bolzano e della Fondazione Cassa di Risparmio.


Speranza e ragione, queste sono state le direttrici lungo le quali si è sviluppata la vita di Ernesto Balducci.
Nei suoi testi soprattutto traspare ancora oggi fortissimo l'invito a fare i conti con la realtà e a prendere coscienza della condizione epocale in cui viviamo anteponendo "gli interessi dell'umanità a quelli della tribù a cui ognuno di noi appartiene".
"Dobbiamo sapere -ammoniva Balducci già nel 1991- che l'alternativa che ci si para davanti all'affermazione di una democrazia planetaria è una sola: quella del terrorismo su scala planetaria, dato che il terrorismo è l'unica guerra possibile ai poveri. Il mondo arabo, non dimentichiamolo, non è che l'avamposto dell'umanità che sta uscendo dai sottosuoli della storia, animata da una collera repressa da secoli. Solo se la comunità mondiale, con tutti gli strumenti dell'efficacia del diritto, nascerà presto, sarà possibile evitare la catastrofe. Il futuro del mondo non è quello del dominio di una cultura su tutte le altre ma quello della convivenza di tutte le tribù della terra. E la convivenza vuol dire: primo, recuperare il villaggio perduto con tutto il patrimonio di umanità che esso aveva elaborato; secondo, aprirlo senza pretese di dominio alla solidarietà verso tutti i villaggi del mondo".


David Maria Turoldo ha svolto in vita un ruolo profetico, richiamando di frequente la sua chiesa al dettato evangelico, alla pace senza se e senza ma ed alla povertà.
E' stato anche un formidabile poeta, capace di esprimere grande profondità scandagliando la sua interiorità ma anche richiamando con forza all'impegno civile.
Nell'ultimo periodo della sua vita Turoldo ha affrontato la malattia e la morte lasciando una testimonianza poetica caratterizzata da una grandissima forza evocativa.


- - -


DON GIUSEPPE RAUZI
Don Giuseppe Rauzi (Malè TN 1931 - Bolzano 2002) è stato uno dei sacerdoti più noti e amati di Bolzano. Fu parroco della Visitazione in viale Europa fin dall'edificazione della chiesa, avvenuta alla fine degli anni '60. La parrocchia - guidata dalla sua grande sensibilità e dalla sua profonda preparazione - diventò negli anni un polo di aggregazione religioso, umano e culturale per migliaia di persone. Importantissimo fu il contributo di don Rauzi anche alla storia del liceo classico dove fece il vicepreside ed insegnò per più di trent'anni diventando punto di riferimento per generazioni di studenti e per le loro famiglie.


DAVID MARIA TUROLDO
David Maria Turoldo (Coderno di Sedegliano UD 22 novembre 1916 - Milano, 6 febbraio 1992), religioso italiano dell'Ordine dei Servi di Maria, è stato un poeta, un saggista ed uno dei più rappresentativi esponenti del rinnovamento del cattolicesimo della seconda metà del '900, il che gli valse il titolo di "coscienza inquieta della Chiesa".


ERNESTO BALDUCCI
Ernesto Balducci (Santa Fiora, 6 agosto 1922 - Cesena, 25 aprile 1992) è stato un presbitero, editore, scrittore e intellettuale italiano.
Fu una delle personalità di maggior spicco nella cultura del mondo cattolico italiano nel periodo che accompagnò e seguì il Concilio Vaticano II. Fu legato a Giorgio La Pira, David Maria Turoldo, Lorenzo Milani, Danilo Cubattoli, Silvano Piovanelli, Mario Gozzini, Bruno Borghi, Raffaele Bensi e molti altri cattolici democratici e "di sinistra" vissuti a Firenze tra gli anni cinquanta e gli anni novanta.


GEMMA BERTAGNOLLI
La bolzanina Gemma Bertagnolli è una delle interpreti italiane di riferimento per quanto riguarda la musica barocca. Vincitrice giovanissima nei concorsi di canto italiani (come a Milano l'Aslico) ed internazionali (come il Viňas a Barcellona), ha cantato con successo le parti più famose (da Susanna a Nannetta fino a Pamina e all'ultima Sophie del Rosenkavalier, direttorei Metha, Gatti, Gelmetti, registi Ronconi, Miller, Joel) nei più grandi teatri (La Scala, il Maggio Musicale Fiorentino, i Festival di Pesaro e Salisburgo, Parigi, Tokio, Monaco, Berlino, Amsterdam......), collaborando con grandi direttori.
E' stata fra i protagonisti di cose diversissime, come l'edizione integrale di Vivaldi incisa da Naïve, gratificata da riconoscimenti ufficiali straordinari, e le esecuzioni di Mozart sacro dirette da Umberto Benedetti Michelangeli. Per la passione barocca ha inanellato personaggi teatrali e d'oratori da Leo a Haendel, da Vivaldi a Bach con Antonini, Biondi, Astronio, Alessandrini, Jacobs, Dantone, Koopman. La voglia di ricerca filologica e teatrale l'ha portata ad incidere qualche anno fa a fianco di Cecilia Bartoli l'edizione discografica Decca della Sonnambula di Bellini e a registrare con i più squisiti strumentisti barocchi un Cd, intitolato Furor sacro, caratterizzato da un virtuosismo spregiudicato.
Per la sua propria curiosità affettuosa verso la cultura e la vita, da anni Gemma Bertagnolli gira per l'Europa offrendo rarità classiche e intanto incide squisitezze alternative, affrontando stili e gusti diversissimi con grazia riconoscibile: da Ninnenanne e Serenate, addirittura a canzoni da Walt Disney con Antonio Ballista al pianoforte o direttore, e talvolta anche qualche pagina di musica contemporanea.


RENATO SACCO
Sacerdote a Novara, don Renato Sacco è consigliere nazionale di Pax Christi e redattore della rivista Mosaico di Pace. E' uno dei principali animatori del movimento animatore del movimento "Diciamo No agli F35".

 

 

Poesia e passione: Il fuoco della profezia (Apri l'immagine jpg, 582 Kilobyte, 1239 per 1754 pixel)
 
Condividi articolo:
 
  • Home
  • >Cultura
  • > Appuntamenti
  • > Poesia e passione: Il fuoco della profezia
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::