Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 01.07.2021 13:20
Rubrica:  [Economia e Turismo]  [Manifestazioni ed eventi]  [Mobilità]  [Varie] 

Presentati i provvedimenti in occasione della partita degli Europei di calcio Italia-Belgio

in attesa di Italia Belgio  (Apri l'immagine , 22 Kilobyte, 169 per 120 pixel)

in attesa di Italia Belgio

 
L'appello: che sia solo una festa di sport. Prima e dopo la partita divieto di sosta con rimozione forzata in piazza Vittoria e corso Libertà. Divieto di vendita di bevande in contenitori di vetro. Stop anche al consumo di bevande alcoliche all'esterno dei pubblici esercizi

Il Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi, con il Vice Sindaco Luis Walcher e l'Assessore allo Sport Juri Andriollo ha illustrato i provvedimenti concordati con le autorità statali competenti per l'ordine pubblico che saranno assunti in occasione della partita degli Europei di calcio ITALIA-BELGIO in programma venerdì 2 luglio alle ore 21.00. Si tratta dell'istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata in piazza della Vittoria e corso della Libertà dalle 17.00 di venerdì alle 02.00 di sabato 3 luglio, nonchè del divieto di vendita di bevande in contenitori di vetro. Stop anche al consumo di bevande alcoliche all'esterno dei pubblici esercizi dalle 20.00 di venerdì 2 luglio alle 6.00 del mattino successivo. Previste sanzioni molto pesanti per i trasgressori: da 100 a 500 Euro. Tale provvedimenti si sono resi necessari a seguito degli intollerabili episodi di violenza e danneggiamenti in particolare nella zona di corso Libertà/piazza Vittoria seguiti al termine della partita Italia-Austria di sabato 26 giugno scorso. 

Sono due le ordinanza firmate dal Sindaco ed illustrate dallo stesso Caramaschi con gli  assessori competenti. La prima in materia di viabilità prevede dalle 17.00 di domani venerdì 2 luglio alle 02.00 di sabato 3 luglio, l'istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata in PIAZZA DELLA VITTORIA, compresa l'intera area parcheggio tra il parco retrostante il monumento ed il fronte dei i civici 33, 38, 39 a, 41, ambo i lati nel tratto compreso dall'intersezione da via Diaz all'intersezione con via Giuliani e su ambo i lati nel tratto compreso dall'intersezione con via Orazio all'intersezione con la rotonda in direzione di ponte Talvera. Divieto di sosta e rimozione forzata anche in  CORSO DELLA LIBERTÀ, su ambo i lati nel tratto compreso tra piazza della Vittoria e l'intersezione con via Virgilio.  

La seconda ordinanza riguarda invece il divieto sempre per la giornata di domani venerdì 2 luglio dalle ore 20.00 alle ore 6.00 del giorno successivo, di vendere contenitori in vetro (o altro contenitore che possa fungere da mezzo contundente) o bicchieri in vetro (o altro contenitore che possa fungere da mezzo contundente)e/o di detenere e/o di consumare bevande in contenitori in vetro (o altro contenitore che possa fungere da mezzo contundente) nelle vie, nelle piazze e all'esterno di pubblici esercizi, fatto salvo durante la consumazione ai tavoli degli stessi, al banco e/o nei plateatici nel rispetto delle misure di prevenzione previste dalle norme vigenti, ovvero nelle strutture che appartengono all'esercizio. Inoltre la stessa ordinanza prevede il divieto,sempre per venerdì 2 luglio dalle ore 20.00 alle ore 6.00 del giorno successivo, di consumo di bevande alcoliche nelle vie, nelle piazze e all'esterno di pubblici esercizi a prescindere dal materiale del contenitore, salvo quello effettuato al banco di somministrazione e al tavolo negli spazi in uso ai pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande.
 
Il Sindaco Caramaschi e gli Assessori Walcher e Andriollo hanno lanciato un accorato appello: "A prescindere da quello che sarà il risultato della partita, che sia solo una grande festa dello sport. I violenti, semmai dovessero ripresentarsi, vanno prontamente isolati ed emarginati, perchè nulla hanno a che vedere con i valori dello sport, con la Città di Bolzano, con la sua cultura e la sua tradizione sportiva".

Il Sindaco ha anche aggiunto che "fa abbastanza specie che per una partita di calcio si debbano adottare simili ordinanze. Anche in passato in occasione di Mondiali o Europei si è sempre festeggiato in caso di vittoria: bene i cortei, i caroselli, i clacson, le bandiere, la festa. Tutto il resto no. Se una vittoria o una sconfitta diventa un'occasione da parte di taluni per lasciarsi andare ad una violenza gratuita, proprio non ci siamo. Lo sport è tutto l'opposto. C'è rammarico per quanto accaduto sabato scorso. Le forze dell'ordine stanno comunque individuando i più facinorosi ed è chiaro che il conto arriverà e sarà giustamente molto salato, sia in termini di danni provocati, che costi in generale anche di immagine per la Città".  

(mp)

Download:

Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::