Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 06.07.2021 10:34
Rubrica:  [Manifestazioni ed eventi]  [Varie] 

Ricordato Giannantonio Manci eroe dal volto umano

La cerimonia in ricordo di Giannantonio Manci (Apri l'immagine , 964 Kilobyte, 2223 per 1495 pixel)

La cerimonia in ricordo di Giannantonio Manci

 
Nel 77° anniversario della morte, cerimonia in piazza IV Novembre alla presenza delle autorità, delle figlie e dei nipoti dell'antifascista e partigiano trentino

Stamane in piazza IV Novembre, in occasione del 77° anniversario della morte di  Giannantonio Manci, antifascista e partigiano, si è svolta la cerimonia di commemorazione con deposizione di corone alla presenza del Sindaco Renzo Caramaschi delle figlie di Manci, Annamaria e Giovanna, di quattro nipoti, del Commissario del Governo, Prefetto Vito Cusumano e del Comandante delle Truppe Alpine, Gen.Claudio Berto. Alla cerimonia hanno partecipato anche numerose autorità politiche civili e militari, rappresentanti dell'ANPI e delle associazioni combattentistiche e d'arma. 

Giannantonio Manci (Trento 14.12.1901 - Bolzano 06.07.1944), Cittadino Onorario di Bolzano dal 2015, Medaglia d'Oro al valor militare imprenditore, eroe della resistenza a capo del Comitato di Liberazione Nazionale del Trentino, provato dal protrarsi degli interrogatori si lanciò dal terzo piano del Palazzo Alti Comandi (PAC) a Bolzano, sede della Gestapo, scegliendo un orribile e volontaria morte al rischio di rivelare sotto tortura i nomi dei compagni di lotta. Dopo l'esperienza fiumana vissuta assieme al fratello Sigismondo, assunse posizioni di aperta critica al fascismo, definito fenomeno contro risorgimentale. Di fede repubblicana, fondò assieme ad altri esponenti della Associazione Nazionale Combattenti il movimento "Italia Libera" ispirandosi a Cesare Battisti. Organizzò numerosi espatri clandestini di oppositori e famigliari perseguitati dalla dittatura. Il 21 settembre del 1943 divenne presidente del CLN Trentino. Arrestato il 28 giugno, a seguito di delazione della spia Fiore Lutterotti, pose fine alla sua esistenza il 6 luglio del 1944. Un gesto estremo che evitò lo smantellamento della capillare rete di resistenza al nazifascismo sviluppatasi nell'Alpenvorland ovvero a cavallo delle province di Trento, Belluno e Bolzano.

Il Sindaco Caramaschi nel suo intervento ha sottolineato l'importanza della figura di Giannantonio Manci e del suo profilo di "eroe dal volto umano", giunto fino all'estremo sacrificio pur  di combattere la dittatura nel nome e nel linguaggio universale della democrazia, della pace e della libertà. "Deponendo le corone qui come al Muro del Lager - ha sottolineato il primo cittadino - non dobbiamo dimenticare il sacrificio di quanti, come Manci, hanno contribuito a costruire la coscienza critica della nostra Città. Dobbiamo impegnarci tutti per una società migliore, che oggi si sta sfilacciando. Dobbiamo riempirla e permearla di valori positivi e universali. Quei valori che hanno contraddistinto l'azione di un uomo che ha sacrificato il bene più caro, la propria vita, per un'ideale di libertà, contro le nefandezza di una dittatura che voleva determinare la superiorità di una razza, di uomini contro altri uomini. Noi abbiamo bisogno di umanità e di fratellanza. Ciascuno - ha detto Caramaschi - ha il diritto di fare la propria strada. Nessun altro può determinare il destino di un'altra persona. Questa è la bellezza della vita. Un caro e grato ricordo a Giannantonio Manci che ha concesso a tutti noi la possibilità di crescere e di fare la nostra strada. Un abbraccio non solo ideale da parte mia e di tutta la comunità cittadina, alle sue adorate figlie ed ai suoi cari nipoti" .

 
(mp)
 
L'intervento del Sindaco Caramaschi (Apri l'immagine , 745 Kilobyte, 1989 per 1395 pixel)

L'intervento del Sindaco Caramaschi

La cerimonia in onore di Manci (Apri l'immagine , 1,160 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

La cerimonia in onore di Manci

La cerimonia in piazza IV Novembre (Apri l'immagine , 1,353 Kilobyte, 2183 per 1434 pixel)

La cerimonia in piazza IV Novembre

Onori alla memoria di Manci (Apri l'immagine , 914 Kilobyte, 2144 per 1276 pixel)

Onori alla memoria di Manci

la cerimonia in piazza IV Novembre (Apri l'immagine , 199 Kilobyte, 1024 per 683 pixel)

la cerimonia in piazza IV Novembre

L'intervento del Sindaco (Apri l'immagine , 1,108 Kilobyte, 2195 per 1496 pixel)

L'intervento del Sindaco

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::