Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 01.10.2021 12:20
Rubrica:  [Famiglia e sociale]  [Varie] 

Presentati i risultati dell'iniziativa "Fidarsi è bene...ma non di tutti!" contro le truffe agli anziani

La presentazione degli esiti del progetto contro le truffe agli anziani in piazza Matteotti (Apri l'immagine , 1,171 Kilobyte, 2246 per 1354 pixel)

La presentazione degli esiti del progetto contro le truffe agli anziani in piazza Matteotti

 
Attivate concrete misure di prevenzione

Si è concluso il progetto "Fidarsi è bene...ma non di tutti! Contro le truffe agli anziani, la prevenzione attraverso l'informazione" promosso da Comune di Bolzano, ASSB e Forze dell'Ordine. L'iniziativa ha consentito di porre in essere concrete misure di prevenzione volte al contrasto delle truffe nei confronti delle fasce più vulnerabili della popolazione ed  in particolare, degli anziani. I risultati del progetto realizzato con il supporto ed il coinvolgimento del  Commissariato del Governo, la Polizia di Stato e altre istituzioni cittadine (IPES, ANACI, Banca Popolare, Cassa Rurale e Cassa di Risparmio), sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa in piazza Matteotti alla presenza del Sindaco Renzo Caramaschi e dei rappresentanti degli enti e delle associazioni coinvolte. 

 "Gli anziani sono di per sé una categoria vulnerabile e con le ristrettezze dettate dalla pandemia lo sono diventati ancor di più, perché quel senso di solitudine e di esclusione dalla vita sociale è stata sentita più che in altre categorie di cittadini. I figli lontani, una rete di vicinato che nel tempo si è sfilacciata, fanno sì che gli anziani siano spesso presi di mira. Molti di loro poi non denunciano, neanche ai familiari, il fatto per una sorta di vergogna della loro fragilità. E tutto questo poi si amplifica durante l'estate" così il Sindaco Caramaschi

Il progetto si è  incentrato sulla realizzazione e diffusione di un opuscolo informativo presentato anche nel corso di specifici incontri nei tradizionali luoghi di aggregazione delle persone anziane: piazze, mercati rionali, sedi di associazioni della terza età, nel corso dei quali sono stati rappresentati i più ricorrenti scenari di rischio, frutto anche dell'esperienza acquisita sul campo dagli operatori di polizia, semplici accorgimenti e precauzioni da porre in essere, ma anche informazioni sulle modalità attraverso le quali vengono realizzati raggiri e truffe in modo da costruire ed alimentare un sistema di autodifesa che renda più incisiva ed efficace l'azione delle Forze dell'Ordine. 
La brochure bilingue stampata in 17.000 copie è stata distribuita capillarmente grazie alla collaborazione della Polizia Municipale di Bolzano e degli operatori dell'Azienda Servizi Sociali . Come detto gli incontri sono stati organizzati anche all'interno delle associazioni per anziani. Una cinquantina quelli in strada grazie agli operatori del 118 che hanno incontrato circa 10.000 anziani. Il materiale informativo è stato distribuito anche nei supermercati, nei bar, nelle parrocchie, presso l'ospedale, le cliniche private e nella piscina comunale. È stato attivato presso l'ASSB un numero dedicato agli anziani 0471 1626266: non un numero di emergenza, ma uno strumento utile per informazioni, dubbi, richieste di supporto o sostegno sociale). Sono stati anche realizzati 5 videoclip in lingua italiana e in lingua tedesca che sono stati trasmessi dalle emittenti locali e inserite sui canali istituzionali e sui social comunali.

Nel progetto sono stati coinvolti l'Associazione Nazionale Amministratori Condominiali (ANACI) e l'Istituto per l'Edilizia Sociale dell'Alto Adige (IPES) che hanno promosso l'affissione nelle bacheche dei condomini di un manifesto informativo riguardante il progetto e tramite amministratori e caposcala hanno sensibilizzato le persone sul tema delle truffe agli anziani.

La conclusione dell'iniziativa -è stato sottolineato- non significa tuttavia la conclusione dell'impegno: le truffe agli anziani sono un fenomeno particolarmente subdolo che si perpetra ai danni di persone sole e fragili e la campagna di sensibilizzazione proseguirà partendo da metà ottobre con la collaborazione di tre istituti bancari della città, Banca Popolare, Cassa di Risparmio e Cassa Rurale, che hanno aderito al progetto e distribuiranno ai loro utenti anziani la brochure ed un gadget (porta badge) con applicato un adesivo contenente il logo dell'iniziativa.

In tal senso l'Assessore alle Politiche Sociali del Comune Juri Andriollo ricorda che: "L'impegno di ciascuno di noi è quello di partecipare ad una rete di supporto che diminuisca il senso di solitudine e preservi gli anziani da questo tipo di abuso. Il nostro impegno continua sia in ottica di prevenzione, che di contrasto del fenomeno. Essere informati e fare attenzione, infatti, sono suggerimenti validi per tutti come quello, magari, di ripristinare quei rapporti tra vicini che tanto possono fare per evitare situazioni anche drammatiche",  L' invito a  chiunque sia vittima di furti o tentativi di truffa è comunque di sporgere denuncia alle forze dell'ordine.

Tutte le iniziative promosse  fanno parte di un progetto nato da un Protocollo d'intesa tra  Comune, Il Commissariato del Governo, Forze dell'Ordine  finanziato da parte del Ministero degli Interni con 36.000 Euro.

(mp)

Download:

 
Il volantino della campagna (Apri l'immagine , 188 Kilobyte, 555 per 787 pixel)

Il volantino della campagna

ontro le truffe agli anziani, la prevenzione attraverso l'informazione (Apri l'immagine , 726 Kilobyte, 1598 per 1257 pixel)

ontro le truffe agli anziani, la prevenzione attraverso l'informazione

Conferenza stampa (Apri l'immagine , 954 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Conferenza stampa

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::