Segnala la pagina  Esprimi il tuo commento  Stampa la pagina
Comunicato stampa: 23.05.2012 11:52
Rubrica:  [Varie] 

Bolzano ricorda Loris Musy

Il sindaco ed il gen. Nardini scoprono il cartello della via intitolata a Loris Musy a Bolzano sud (Apri l'immagine jpg, 1,565 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Il sindaco ed il gen. Nardini scoprono il cartello della via intitolata a Loris Musy a Bolzano sud

 
Cerimonia d'intitolazione di una via al capitano dei Carabinieri deportato nel Lager di via Resia

Stamane, alla presenza del sindaco Luigi Spagnolli e delle massime autorità civili e e militari, nella prestigiosa Sala Consiliare del Muncipio di Bolzano si è tenuta la cerimonia ufficiale d'intitolazione di una via del capoluogo a Loris Musy, capitano dei Carabinieri deportato nel Lager di Bolzano. Alla cerimonia hanno partecipato anche i familiari di Musy ,in particolare i figli Alfredo e Dario che alcuni anni fa donarono alla Città di Bolzano - Archivio Storico, documenti originali conservati dal padre relativi al periodo della deportazione (ottobre 1943-aprile 1944) che costituiscono ora il Fondo Musy.
Il sindaco Luigi Spagnolli nel suo intervento ha espresso il riconoscimento della Città di Bolzano, ad un uomo, Loris Musy, che "s'impegnò attivamente e senza paura, durante la permanenza nel Lager di via Resia in qualità di deportato politico, per aiutare anche in virtù di capoblocco, tutti gli altri internati".
" Un grande esempio di altruismo, coraggio e solidarietà" come ha sottolineato nel suo intervento anche il Generale Luigi Nardini, comandante della Legione Carabinieri Trentino Alto Adige. 
I figli Dario e Alfredo Musy hanno a loro volta ringraziato il Comune di Bolzano per tutto quello che è stato fatto per ricordare e onorare la figura del padre Loris. Hanno anche consegnato a Carla Giacomozzi un' onoreficenza originale del padre, che andrà ora ad arricchire il Fondo Musy. Alcuni documenti sono stati presentati anche nel corso della cerimonia in Municipio.
Al termine del ricordo in municipio, le autorità ed i famigliari di Loris Musy hanno raggiunto Bolzano Sud dove una via (oltre via Einstein verso via Aeroporto) porta ora il nome del valoroso capitano dei Carabinieri. Sono stati il sindaco Spagnolli  ed il Gen. Nardini a scoprire il relativo cartello stradale.  Da segnalare che i famigliari di Loris Musy hanno poi  visitato per la prima volta, ciò che resta del Lager di via Resia, ovvero il muro.  

Loris Musy nasce a Gragnano (Napoli) il 30.07.1912. Terminati gli studi in legge all'Università di Napoli, intraprende la professione di avvocato, lavorando anche per un istituto di credito della città .Nel 1941 viene richiamato alle armi ed inviato a Feltre a dirigere la tenenza dei Carabinieri. Durante il secondo conflitto mondiale combatte in Yugoslavia e poi rientra a Feltre. Mantiene la reggenza anche dopo i fatti dell'8 settembre 1943 e dopo la costituzione della Operationszone Alpenvorland, poiché l'Arma dei Carabinieri continua a svolgere servizio di ordine pubblico.  Si trova ad occupare un ruolo difficile, di cui si serve spesso per aiutare i suoi concittadini; a motivo di questo suo impegno viene arrestato a Feltre il 3 ottobre 1944. Condivide la sorte dell'arresto e della deportazione nel Lager di Bolzano con altri 113 feltrini. Nel Lager di Bolzano svolge le funzioni di capoblocco. Viene liberato il 30 aprile 1945.

Il Fondo Musy è composto da documenti in parte riferiti al periodo della deportazione di Loris Musy nel Lager di Bolzano (lettere ufficiali e clandestine, triangolo di deportato politico e numero di matricola, fascia di capoblocco), in parte riferiti al dopoguerra (corrispondenza con ex deportati feltrini).

 

 

(mp)
 
Autorità in Sala Consiglio (Apri l'immagine jpg, 1,549 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Autorità in Sala Consiglio

Il sindaco Spagnolli ed il Gen. Nardini con i figli di Musy, Alfredo (a sx) e Dario (Apri l'immagine jpg, 425 Kilobyte, 1924 per 1443 pixel)

Il sindaco Spagnolli ed il Gen. Nardini con i figli di Musy, Alfredo (a sx) e Dario

Dario Musy consegna a Carla Giacomozzi (Archivio Storico) un' onoreficenza del padre (Apri l'immagine jpg, 1,484 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Dario Musy consegna a Carla Giacomozzi (Archivio Storico) un' onoreficenza del padre

Il cartello stradale (Apri l'immagine jpg, 1,309 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Il cartello stradale

Raccoglimento in Sala Consiglio durante la cerimonia dedicata al ricordo di Loris Musy (Apri l'immagine jpg, 1,477 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Raccoglimento in Sala Consiglio durante la cerimonia dedicata al ricordo di Loris Musy

Il Fondo Musy presso l'Archivio Storico si compone di documenti originali del periodo di permanenza di Dario Musy nel Lager di via Resia (autunno '44 - primavera '45) donati alla Città di Bolzano  (Apri l'immagine jpg, 1,345 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

Il Fondo Musy presso l'Archivio Storico si compone di documenti originali del periodo di permanenza di Dario Musy nel Lager di via Resia (autunno '44 - primavera '45) donati alla Città di Bolzano

La zona dove si trova via Loris Musy (Apri l'immagine jpg, 1,891 Kilobyte, 2256 per 1496 pixel)

La zona dove si trova via Loris Musy

 
Condividi articolo:
 
Città di Bolzano - Piazza Municipio, 5 - 39100 Bolzano - centralino: 0471 997111 – codice fiscale/partita IVA: 00389240219 - E-Mail: urp@comune.bolzano.it - PEC: bz@legalmail.it ::